La sostenibilità di Cortina 2021 è concreta, consapevole e fatta di fatti  – ideali, concreti e fatti per essere imitati.

Un impegno che si realizza attraverso tre pratiche fondamentali: la circular economy, il carbon management e la certificazione.

Un Valore condiviso da TedX Cortina, che quest’anno ha come focus (anche) la sostenibilità: imperativo comune e condiviso, infatti, è promuovere tematiche legate alla green innovation & sustainability. Già il tema di quest’anno parla chiaro: “IOrigine” mette al centro della riflessione l’essere umano inteso come motore principale di qualsiasi cambiamento, ma allo stesso tempo anche come elemento che subisce cambiamenti ed effetti dell’evoluzione del nostro pianeta e del suo delicato ambiente.

“Siamo il primo TEDx italiano ad avere un team dedicato alla sostenibilità che si è occupato di seguire il project management dell’evento – precisa Jacopo Pertile, license manager di TEDxCortina – . Costruire un evento sostenibile e fare formazione su questi temi sempre più importanti, cari non solo a Cortina, ma a livello globale, è una delle nostre priorità”.

 

Si tratta dunque di PENSARE GREEN attraverso buone pratiche.

 

*un evento plastic free

con l’utilizzo di oggetti ricavati da materiale riciclato, di bottigliette “bio” e di bicchieri “Pcup” intelligenti e biodegradabili, alternativi all’usa e getta.

*scelte attente e consapevoli

come l’uso di carta da foreste certificate o l’esaltazione della filiera corta, con prodotti alimentari in massima parte a km zero.

*la salvaguardia del polmone verde del pianeta

attraverso la diffusione di un decalogo comportamentale per il bosco, stilato insieme a FSC – Forest Stewardship Council che ha fornito il suo supporto scientifico.

*partnership ecosostenibili

come quella con Enel, National Partner anche di Fondazione Cortina 2021.

*stimolare la consapevolezza attraverso l’arte

A thousand trees, un’installazione pensata dal team TEDxCortina in collaborazione con gli architetti Marco Cellini, Giulia Pecol e Francesco Carraro che, per l’occasione, portano il cuor del bosco al centro del paese. O le mostre fotografiche di Stefano D’Amadio, fotogiornalista romano e firma di National Geographic, che esporrà i suoi scatti, realizzati fra i boschi colpiti dalla tempesta Vaia, nel foyer dell’Alexander Girardi Hall. E di Osservatorio Cortina 2021, un progetto di ricerca artistica territoriale di Gianpaolo Arena e Marina Caneve, e di Vulcano, in cui vengono investigati il territorio e il tempo che separano la conca ampezzana dai Mondiali del 2021.

 

Vuoi saperne di più? Scarica il comunicato stampa.

Biglietti disponibili qui: www.eventbrite.it

 

#roadtoCortina2021