A parlare nelle interviste del Corriere delle Alpi dedicate al team di Cortina 2021 e firmate da Alessandra Segafreddo, questa volta è Sebastiano Dabalà, Venue & Finish Areas Manager.

44 anni, originario di Mogliano Veneto e ormai naturalizzato a Cortina d’Ampezzo, Sebastiano Dabalà (Seba per tutti noi) è architetto con un master in progettazione di impianti sportivi conseguito alla Sapienza di Roma.

È lui che si occupa delle due aree d’arrivo delle gare, Rumerlo e Drusciè, dove sorgono non solo i traguardi di gara, ma anche tutte le aree dedicate alle televisioni, ai tecnici, ai giornalisti e al pubblico.

«Avevo progettato le aree d’arrivo in una certa maniera. Poi, con l’avvento del Coronavirus, ho dovuto pensare ai distanziamenti. Quindi già durate l’estate ho rivisto i progetti e ora li stiamo mettendo a terra. Abbiamo dovuto ridurre del doppio i numeri delle presenze ipotizzate e aumentare gli spazi. Sono pertanto cambiate tutte le aree: dalle tende, ai percorsi di accesso e uscita… Le norme anti contagio hanno modificato anche il modo di operare in pista. Oggi siamo tutti con le mascherine indossate, ci sanifichiamo di continuo le mani, proviamo la febbre, facciamo gli screening, stiamo distanti anche a mangiare».

Leggi l’intervista completa sul Corriere delle Alpi!