Cortina d’Ampezzo (BL), 8 gennaio 2021 – È una data densa di significato, l’8 gennaio, per Cortina e per i prossimi Campionati del mondo di sci alpino (7 -21 febbraio). Mancano infatti 30 giorni ad un appuntamento di portata internazionale, fortemente voluto e portato avanti malgrado le evidenti difficoltà generate dalla pandemia. Simbolicamente ieri sera c’è stata l’accensione delle piste, mentre si ultimano i lavori per ospitare i 700 atlete e atleti, i 3500 addetti ai lavori e per offrire uno “spettacolo sportivo” a 500 milioni di persone sparse nei cinque continenti.

Vincenzo Spadafora, ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, dichiara: «Mancano 30 giorni ai Campionati del mondo di sci alpino di Cortina. Un appuntamento molto atteso, frutto di scelte portate avanti con concretezza, determinazione e trasparenza e che racconta l’Italia che vince quando fa sistema e riesce a superare ogni difficoltà. C’è stato infatti un lavoro di squadra da parte delle istituzioni; un sostegno da parte del Governo a tutti gli attori coinvolti. L’organizzazione di un evento di tale portata internazionale può aiutare il territorio, la comunità e dare un futuro alle giovani generazioni. Si è avuta una riqualificazione delle piste e delle infrastrutture in un’ottica di rigenerazione ambientale e rispetto del territorio.
È un grande volano economico e un’occasione unica di rinascita. Dopo questi mesi così difficili a causa della pandemia, abbiamo bisogno di proiettarci verso il futuro: costruire progetti che durino nel tempo. I Campionati di Cortina 2021 lo sono perché, oltre a celebrare al meglio un momento importante dello sport, si proiettano verso le Olimpiadi del 2026.
Cortina 2021 è il primo evento sportivo invernale internazionale. Il mondo ci guarderà. E sono certo che l’Italia sarà all’altezza della sfida».

Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina, sottolinea: «La mia amministrazione ha fortemente puntato sui grandi eventi. Che sono una grande occasione di visibilità e un‘opportunità straordinaria di sviluppo del territorio». Mentre Alessandro Benetton, Presidente di Fondazione Cortina 2021, mette in luce un altro aspetto importante: «Dimostreremo che siamo capaci come italiani di rispettare impegni e fare progetti ambiziosi, senza conflitti o contrapposizioni, per consegnare allo sport un modello di organizzazione e di innovazione che possa ispirare i prossimi appuntamenti internazionali ed in particolare i Giochi Olimpici Invernali Milano-Cortina 2026, cui cederemo idealmente il testimone».

Oggi, presso il Comune di Cortina d’Ampezzo, è stata anche firmata una Convenzione con il Commissario alle opere Valerio Toniolo, che sintetizza così: «Questo accordo porterà nuova linfa al territorio e lascerà un’eredità importante di lavori e migliorie. Siamo riusciti ad onorare gli impegni presi finora e questa Convenzione proietta i Campionati del mondo direttamente verso le Olimpiadi 2026».

Claudio Andrea Gemme, Commissario di Governo per l’attuazione del piano di viabilità dei Mondiali e Presidente di Anas sottolinea: «La competizione sportiva ha rappresentato l’occasione per potenziare la viabilità attraverso interventi di cui, anche dopo la conclusione dell’evento, gioverà l’intero territorio e i cui vantaggi saranno tangibili per i cittadini che ogni giorno percorrono le nostre strade».

Scarica il comunicato

Gallery

Fondazione Cortina 2021
Fondazione Cortina 2021
Fondazione Cortina 2021
Fondazione Cortina 2021